You are here
Home > Approfondimenti > Sintomi della gravidanza: quali sono e come riconoscerli

Sintomi della gravidanza: quali sono e come riconoscerli

Quante volte è capitato alle donne di tutto il mondo di non dormire per il dubbio di essere incinta, o quante volte chi ha cercato volontariamente una gravidanza si è chiesta e richiesta come capire se il tentavo è andato a buon fine?

In realtà non è sempre facile individuare precocemente i primi segni di gravidanza, sia perché possono variare molto da donna a donna, sia perché spesso sono molto simili a quelli della sindrome premestruale, e quindi possono essere facilmente confondibili.

Nonostante questo, però, esistono effettivamente dei segnali diffusi che potrebbero indicare la possibilità di una gravidanza: quindi se avete avuto rapporti recenti non protetti, e se siete in un periodo fertile, conoscerli e analizzarli potrebbe aiutarvi a capire se siete incinta.

I sintomi più comuni per riconoscere una gravidanza

La premessa obbligatoria, come già accennato, è che ogni donna è diversa, e che quindi alcune potrebbero avvertire qualche cambiamento fin dai primi giorni dopo il concepimento, altre potrebbero non accorgersi di nulla se non dopo diverse settimane, alcune potrebbero avere tutti i sintomi altre nessuno, altre ancora solo alcuni e molto lievi, oppure molto forti.

Insomma, dipende molto dalla situazione di ogni donna, però gli studi nel tempo hanno riscontrato tutta una serie di sintomi diffusi che, generalmente, possono effettivamente indicare una gravidanza. I

Il primo sintomo, che è anche il più concreto e quello che è un vero e proprio campanello d’avvertimento, è l’assenza di mestruazioni: spesso il ciclo che manca indica proprio che si potrebbe essere incinta, anche se ricordiamo che non è così scontato, perché un ciclo potrebbe diventare irregolare per tantissimi motivi, tra cui problemi ormonali, stress o condizione di salute particolari.

Altri sintomi che potrebbero manifestarsi dalle prime settimane (e protrarsi anche per i primi tre mesi), sono:

  • Dolore al seno. Di solito è la prima parte del corpo della donna a subire un cambiamento durante una gravidanza. All’inizio è frequente, quindi, sentire una maggiore tensione nel seno, perché le ghiandole quando si è incinta vanno a ingrossarsi e, con il tempo, a scurirsi.
  • Nausea e vomito. È uno dei sintomi più comuni, riscontrati da tantissime donne incinte. Spesso può accompagnarsi a capogiri e mal di testa, e inizia in molto lieve, diventa più intensa con il passare delle settimane e va a sparire dopo il primo trimestre. Inizialmente si manifesta con una forte sensibilità, o del vero e proprio fastidio, per alcuni tipi di odori.
  • Stanchezza, fatica, sonnolenza. Un sintomo che si manifesta sin dall’inizio, e che renda le attività quotidiane incredibilmente più faticose del solito. Anche la sonnolenza è molto comune, ed è causata dal particolare aumento della produzione di estrogeni e progesterone.

Altri sintomi molto comuni e frequenti sono il bisogno molto frequente di fare pipì, le perdite di sangue (possono verificarsi dai 6 ai 12 giorni e sono dovuti all’annidamento dell’ovulo nell’utero), i crampi addominali, uno stato di forte emotività, irritabilità e sbalzi di umore.

Sintomi gravidanza: cosa fare?

Anche se questi segnali sono abbastanza attendibili, ovviamente non sono sufficienti a diagnosticare una gravidanza. Se stai sperimentando uno o più di questi sintomi, la prima cosa da fare e sottoporsi a un test di gravidanza: il test urinario è quello più economico e diffuso, ed è affidabile fin dal primo giorno di ritardo del ciclo, anche se di solito si consiglia di aspettare almeno una settimana di ritardo per eseguirlo. Dopo averlo effettuato, se il risultato è positivo, è bene prenotare subito una visita dal ginecologo, per un primo esame nel corso del quale verrà confermata la diagnosi.

Leave a Reply

Top