You are here
Home > Sport > Rossi vs Marquez, episodio indimenticabile per la storia del motociclismo

Rossi vs Marquez, episodio indimenticabile per la storia del motociclismo

Domenica in Malesia è stata scritta una pagina importante della storia del motociclismo, con quello che è stato definito “Sepang Crash” in seguito all’incidente tra Rossi e Marquez.

rossi_marquez-750x501

I fatti: alla partenza, Pedrosa, poleman il giorno precedente, scappa via, seguito a ruota da Marquez, Lorenzo e Rossi. Lo spagnolo della Honda va lungo, consentendo in questo modo al connazionale della Yamaha di passarlo senza alcun tipo di problema.

A questo punto, il numero 93 comincia una battaglia all’ultimo sangue con Rossi, caratterizzato da sorpassi e controsorpassi al limite del consentito. L’italiano si arrabbia (e ne ha ben ragione, vedendo la condotta di gara dello spagnolo), fino al patatrac finale: Valentino porta Marquez all’esterno, lo guarda una volta, una seconda e una terza per poi stenderlo con un calcetto.

Sul momento, alla vista del replay l’opinione generale è più o meno unanime: il 46 questa volta ha davvero esagerato, una penalizzazione o una squalifica è giusto che se la prende per quel gesto.

Ma rivedendo bene le immagini, si può notare che è la testa di Marquez che va verso il ginocchio di Rossi, il quale reagisce, comunque sbagliando alla grande, buttandolo a terra.

Al di là della dinamica dell’incidente e partendo dal presupposto che sia stato giusto penalizzare Valentino (che partirà dall’ultima posizione in griglia nell’ultimo GP a Valencia e tre punti in meno sulla licenza), bisogna sottolineare anche come Marquez abbia fatto veramente di tutto per ostacolare l’italiano, dando così la possibilità a Lorenzo di scappare via e guadagnare ulteriori punti nel Mondiale. La reazione di Rossi è stata sicuramente sbagliata, esagerata e antisportiva, ma è altrettanto palese che sarebbe stato giusto punire anche lo spagnolo della Honda per la sua condotta di gara.

Valentino ha anche sbagliato nel voler provocare Marquez già dalla conferenza stampa, portando come conseguenza tutto quello che è accaduto domenica. Ma, alla fine, i fatti gli hanno dato ragione e la reazione di Lorenzo, che ha chiesto a gran voce la squalifica di Rossi, entrando e sbraitando in direzione gara al termine della gara, dimostra che qualcosa sotto c’è davvero.

Decisiva dunque sarà l’ultima gara a Valencia, con Rossi chiamato ad una vero e proprio miracolo per difendere quei miseri 7 punti di vantaggio sul compagno di squadra: non sarà facile partire dall’ultima posizione e cercare di recuperare, ma nessuno come Valentino, in questo momento, può compiere un’impresa del genere, contro tutto e tutti.

Leave a Reply

Top