You are here
Home > Approfondimenti > Il legame tra carte e tarocchi

Il legame tra carte e tarocchi

Secondo alcune teorie, le origini dei tarocchi associati alle arti divinatorie risalgono a periodi storici assai remoti, come l’antica Cina o il periodo dei faraoni in Egitto. Queste ipotesi non sembrano possedere però dei validi riferimenti concreti, anche se non si può escludere che strumenti simili siano stati utilizzati dai veggenti dell’antichità.

La tentazione di accedere alla conoscenza di eventi futuri ha infatti sempre costituito un forte impulso per gli esseri umani, sia nelle antiche comunità che ai tempi odierni e ogni epoca si è focalizzata su determinate arti divinatorie. Lo sciamanesimo nelle società più remote, gli oracoli nell’antica Grecia, l’astrologia nel periodo medioevale, sono solo alcuni esempi dell’attrazione provata dagli uomini nei confronti dell’ignota dimensione futura.

Esistono numerose pratiche divinatorie, come la numerologia e la chiromanzia, ma solo la cartomanzia si concentra nello specifico sull’analisi dei simboli contenuti nelle carte. I mazzi utilizzati dai cartomanti variano a seconda della finalità che si vuole conseguire, della tecnica di chi le interpreta e dalla cultura di riferimento. In ogni caso, uno degli strumenti indubbiamente più popolari e diffusi è quello che si basa sulla lettura dei tarocchi, un mazzo di 78 carte originario dell’Italia del sedicesimo secolo per fini principalmente ludici. Nel corso del XVIII, con il diffondersi in Europa delle pratiche divinatorie, queste carte sono state gradualmente affiancate alla cartomanzia, fino a diventarne un asse portante ai nostri giorni. Oggi ne abbiamo di diversi tipi, ognuno dei quali è associato a rispettivi metodi di lettura.

La lettura dei tarocchi con le carte napoletane come strumento di previsione del futuro prevede un richiedente, che è alla ricerca di risposte per questioni personali (problemi economici, amorosi, di salute, professionali), ed una cartomante, che conosce le tecniche di interpretazione delle carte.

Di solito, il richiedente viene invitato a mischiare e a tagliare il mazzo, e la veggente dispone le carte nel tavolo in particolari posizioni, ognuna delle quali ha un preciso significato combinato con il simbolo esposto nelle figure. L’abilità della cartomante consiste appunto nello svelare efficacemente il senso dei tarocchi combinati con le posizioni, traducendo questi elementi in predizioni o suggerimenti su come affrontare i problemi presentati. Un fenomeno che continua ad appassionare moltissime persone in Italia e nel mondo.

One thought on “Il legame tra carte e tarocchi

  1. Anche io su esotericus.it ho trattato più volte la storia dei tarocchi e la loro evoluzione.

    Spesso l’aspetto storico e culturale dei tarocchi viene sottovoalutato da molti

Leave a Reply

Top