You are here
Home > Approfondimenti > Cartomante prima domanda gratuita: come funziona?

Cartomante prima domanda gratuita: come funziona?

La cartomanzia, ovvero l’arte di divinazione delle carte, è qualcosa che ha sempre affascinato l’umanità: addirittura si pensa che la sua nascita possa risalire già agli Antichi Egizi, e che il popolo del Nilo fosse un vero esperto della lettura delle carte.

Sì perché la cartomanzia è una particolare forma di divinazione, ancora molto diffusa oggi, che utilizza la consultazione di un mazzo di carte speciali chiamate Tarocchi, attraverso cui è possibile interpretare i simboli e fornire informazioni a chi ha chiesto il consulto.

Le cartomanti sono esistite da sempre, ma oggi con l’avvento d’internet anche questo antichissimo mestiere ha dovuto evolversi ed adattarsi ai tempi: ecco che quindi sono nati tantissimi portali che, per attirare clienti, propongo una prima domanda gratuita da porre alle carte. Ma perché viene utilizzata questa tattica, ed è davvero una proposta sincera?

Come funziona la prima domanda gratuita

In realtà il consulto gratuito nasce da ben prima dell’avvento di internet: un tempo era molto diffuso che i paesi avessero delle cartomanti, o che magari ne arrivassero alcune itineranti, e quindi era abbastanza comune che questa proponesse consulti a prezzi molto bassi, o addirittura gratuiti, le prime volte che riceveva un cliente nuovo. In questo modo, se si dimostrava brava, i paesani si sarebbero rivolti ancora a lei in futuro per consultarla a pagamento.

Oggi invece anche questo mestiere è diventata una vera e propria competizione, e purtroppo sono in molti che utilizzano la tecnica della prima domanda gratuita solo per attirare i clienti.

La rete è piena di questo genere di annunci: solitamente tramite i portali web della cartomante in questione si può porre la propria domanda senza nessun costo, magari rispondendo a dei test online, magari scrivendola su Whatsapp alla divinatrice, o ancora tramite un servizio di e-mail.

Bisogna fare molta attenzione però, perché in molti casi la risposta sarà molto vaga e studiata solo per incuriosire il potenziale cliente, spingendolo a spendere dei soldi (in alcuni casi anche cifre molto elevate) per avere la risposta approfondita che cerca.

Ci si può fidare di chi propone la prima domanda gratuita?

È un quesito che dovrebbero porsi tutti quelli che scelgono di approcciare a un consulto con una cartomante, perché in questo ambito, ancora più che in altri, le truffe sono dietro l’angolo.

Diciamo che bisogna approcciare alla proposta di una prima domanda gratuita cercando di capire di chi si ha davanti, un motivo in più per non affidarsi a questi portali web, ma a consultare un esperto in materia durante un appuntamento in carne e ossa.

A questo punto sta alla persona valutare che tipo di cartomante ci sta facendo la proposta: nel caso migliore ci troviamo di fronte a una cartomante in buona fede, e vuole incuriosire il potenziale cliente solo al fine di portare avanti il suo lavoro, ma che lo fa dando comunque una risposta chiara e soddisfacente.

Nel caso peggiore ci troviamo a un cartomante in cattiva fede, che alla prima domanda gratuita risponde in modo vado e fa capire che tutte le risposte che il cliente cerca le potrà avere se paga una certa somma, o peggio ancora alcuni cercano di spaventare il cliente, magari affermando di leggere nelle carte fantomatiche fatture abbattutesi su di lui e sui suoi cari, che il presunto cartomante può spiegare o addirittura annullare se il cliente spende dei soldi.

Quindi attenzione, affidatevi sempre al buon senso e cercate di capire che persone avete davanti, per non incorre in truffe davvero spiacevoli.

Leave a Reply

Top